Piacenza, “Quale Novecento?” alla Ricci Oddi

mostra novecento ricci oddiLa Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi propone nella primavera del 2013 quattro conversazioni dedicate a quattro mostre attualmente in corso. Gli interventi saranno tenuti da specialisti del mondo dell’arte che hanno curato in prima persona la mostre di cui parleranno.  Quattro incontri da non perdere per fare un viaggio nell’Italia delle mostre, accompagnati e guidati dalla spiegazione dei loro curatori.  

Per “Quale Novecento? La mostra del Novecento a Forlì“, martedì 7 maggio alle 17, il relatore è Fernando Mazzocca, uno dei massimi conoscitori dell’arte italiana dell’Ottocento. Già professore alla Ca’ Foscari di Venezia e alla Statale di Milano, svolge da anni la sua attività di divulgazione organizzando mostre tra le più importanti in Italia (Hayez a Milano, Signorini e i macchiaioli a Padova, Canova e Wildt a Forlì) e scrivendo interventi sull’inserto domenicale del Sole 24 Ore e su numerose riviste d’arte specializzate quali Art Dossier e il Giornale dell’Arte.  

Dopo aver dedicato una mostra ad un protagonista degli Anni Venti del Novecento come Wildt, Forlì approfondisce un altro momento della cultura figurativa del secolo scorso, relativamente a un’epoca che ha lasciato una forte impronta, soprattutto dal punto di vista urbanistico e architettonico, sulla stessa città e su molti altri centri della Romagna.

Ecco dunque l’esposizione realizzata dalla Fondazione Cassa dei Risparmio di Forlì, che intende rievocare un clima che ha visto non solo architetti, pittori e scultori, ma anche designer, grafici, pubblicitari, ebanisti, orafi, creatori di moda cimentarsi in un grande progetto comune che rispondeva, attraverso una profonda revisione del ruolo dell’artista, alle istanze del cosiddetto “ritorno all’ordine”.

L’obiettivo comune era, infatti, quello di ridefinire ogni aspetto della realtà e della vita, passando dal mito classico a una mitologia tutta contemporanea.   Attraverso i maggiori protagonisti (pittori come Severini, Casorati, Carrà, De Chirico, Balla, Depero, Oppi, Cagnaccio di San Pietro, Donghi, Dudreville, Dottori, Funi, Sironi, Campigli, Conti, Guidi, Ferrazzi, Prampolini, Sbisà, Soffici, Maccari, Rosai, Guttuso, e scultori come Martini, Andreotti, Biancini, Baroni, Thayaht, Messina, Manzù, Rambelli) risalta la varietà delle esperienze tra Metafisica, Realismo Magico e le grandi mitologie del Novecento.  

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...