Mostre, retrospettiva di Boetti alla Tate Modern

L’artista italiano beniamino delle aste internazionali, Alighiero Boetti, sbarca alla Tate Modern di Londra. Il 28 febbraio si aprirà la più ampia retrospettiva a lui dedicata.

La mostra, dal titolo “Gioco di strategia“, è composta da 150 opere del maestro torinese ed è stata resa possibile grazie alla coproduzione del Reina Sofia di Madrid e del MoMa di New York.

Con questo nome, l’intera esposizione ha deciso di intraprendere un percorso molto caro all’artista: per Boetti era fondamentale giocare e scommettere col tempo, in una chiave quasi metafisica.

Sebbene entrato a farne parte, nel 1969 Boetti decide che il movimento italiano dell’Arte Povera non lo rappresenta più e se ne distacca completamente procedendo per percorsi artistici alternativi. Boetti era affascinato dall’idea di emulare le avventure di un antenato del XVIII secolo: si installò a Kabul, entrò in contatto con la filosofia Sufi, che coltivò per il resto della vita, e rimase affascinato dalla sapienza degli artigiani afghani.

A loro ordinò le sue famose mappe, quelle nelle quali il profilo dei paesi ha il colore della bandiera. Su questa serie si concentra gran parte della mostra, che presenta pezzi come “Ordine e disordine” (1973) e  “I mille fiumi più lunghi del mondo” (1975).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...