E Pompei crolla ancora…

Ci risiamo. A Pompei si è verificato il crollo di un muro romano realizzato con la tecnica ”Opus incertum”. Il cedimento è avvenuto nei pressi di Porta di Nola vicino la cinta muraria della città antica.

A crollare è stata la parte superiore di un paramento murario romano, in una zona aperta al pubblico. A terra ci sono circa tre metri cubi di macerie. Il cedimento si è verificato a quasi un anno di distanza dal crollo della Schola Armaturarum e non ha provocato danni a persone né ad altre strutture.

Come accadde lo scorso 6 novembre, sembra che la pioggia caduta abbondantemente nei giorni scorsi potrebbe essere stata una concausa decisiva. Sarà…

Intanto si sprecano i commenti politici di chi annuncia subito interventi e chi denuncia l’incuria in cui da decenni versa uno dei siti archeologici più belli del mondo.

Tra tutti ci sentiamo di condividere quello espresso da Corrado Passera nel suo intervento qualche giorno fa al convegno “Beni culturali, identità, crescita” a Napoli. In Italia, ha detto il consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, “lasciamo morire Pompei, lasciamo cadere i pezzi di Pompei”.

E si è chiesto: “C’è  qualcuno al mondo che spiega come questo sia possibile?”.  Per Passera infatti Pompei dovrebbe essere “un motore di decine di milioni di visitatori”. Peccato che stia cadendo a pezzi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...