Venezia, la Biennale Arte 2011 non delude: 54esima edizione è all’insegna della luce

La Biennale di Venezia è sempre un’esperienza “illuminante”. Sarà il contesto, saranno le sue venues sempre suggestive, ma il lungo percorso tra buio e luce all’interno dell’Arsenale fino al Giardino delle Vergini e il bighellonare tra un padiglione e l’altro ai Giardini merita sicuramente la visita.

Unica pecca il prezzo del biglietto (20 euro l’intero) che, visti i tempi che corrono, è un po’ eccessivo, considerando anche il fatto che Venezia non è proprio una città economica. Il Padiglione Italia all’Arsenale è da non perdere, nonostante l’allestimento troppo ravvicinato delle opere che mette quasi in difficoltà il visitatore nel proprio percorso visivo.

L’Arte non è cosa nostra” è il leit-motif scelto da Vittorio Sgarbi che ha voluto portare a Venezia il Museo della Mafia di Salemi (della serie “non si butta via nulla” ndr) e non manca di fare spesso visita alla sua creatura.

Anche ai Giardini l’esperienza sensoriale lascia il visitatore appagato. Da applauso la coraggiosa scelta di esporre in entrata del Padiglione centrale i tre capolavori del Tintoretto, pittore della luce.

La 54esima esposizione Internazionale d’Arte dal titolo ILLUMInazioni – ILLUMInations, diretta da Bice Curiger e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta, sarà aperta al pubblico fino al 27 novembre 2011 ai Giardini e all’Arsenale.

Guarda tutte le foto su Facebook

Diventa fan di Agorà

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...