Caravaggio, è lui o non è lui? Bufala o scoperta? Fa discutere il Sant’Agostino trovato in Spagna

Grande scoperta o “bufala domenicale“? Annunciata sulle pagine della “Domenica” de Il Sole24ore fa discutere e divide gli studiosi l’attribuzione al Caravaggio di un ritratto di Sant’Agostino scoperto in una collezione privata spagnola.

Per Silvia Danesi Squarzina, la studiosa che firma la scoperta, non ci sono dubbi, si tratta di un quadro che Michelangelo Merisi realizzò per il marchese Vincenzo Giustiniani, una tela sempre citata dalle fonti, che era sparita nell’Ottocento.

Non così per Vittorio Sgarbi, che dalle pagine de Il Giornale ha contestato vivacemente l’attribuzione considerandola “più che azzardata”.

E se la grande storica dell’arte Mina Gregori non si sbilancia, spiegando di non avere ancora elementi per giudicare, d’accordo con Sgarbi si schiera l’esperto di Caravaggio Maurizio Marini (“Se quello è Caravaggio io sono Gesù Bambino”).

Un’altra autorevole studiosa, però, Francesca Cappelletti, autrice per Electa nel 2010 di una importante monografia sul Merisi (“Caravaggio, un ritratto somigliante”) avverte: “Il quadro è convincente, è una proposta seria, a cui guardare con molta attenzione”.

Marini non ha dubbi: “Non è Caravaggio”, dice. Poi spiega che a suo avviso quel Sant’Agostino va attribuito alla mano di Bartolomeo Cavarozzi, pittore viterbese che aderisce alla pittura caravaggesca, “ma nell’ottica raffinata di Orazio Gentileschi“. Cavarozzi lavora in Spagna, sottolinea Marini, “e quindi c’è la connessione con i Giustiniani”.

La “cosa più grave – commenta lo storico – è non avere capito che Caravaggio rifugge da attributi, avere messo dietro un Sant’Agostino una biblioteca e una mitra vescovile, è completamente fuori tema”. Caravaggio, sostiene Marini “avrebbe fatto un fondo in ombra”.

Studiosa appassionata da oltre 20 anni del genio lombardo, al centro nei primi anni ’90 del clamoroso rinvenimento della Cattura di Cristo della National Gallery di Dublino e per questo divenuta l’eroina di un romanzo di successo (Il Caravaggio ritrovato di Jonathan Harr), Francesca Cappelletti, guarda invece con attenzione alla scoperta.

Il riferimento a Caravaggio per lei è plausibile: ”Il quadro è convincente e stringente credo che sia plausibile e convincente per la storia della provenienza”, commenta. Certo, argomenta, ”Si tratta di un quadro da collezione, non ha un soggetto attraente, non è la Giuditta, è un piccolo quadro”. Però la storia collezionistica ”rende plausibile il riferimento a Caravaggio”, aggiunge facendo notare che la tela appartiene ad un periodo preciso intorno al 1600, il periodo classicista di Caravaggio, in cui il Merisi dipingeva così.

Adesso la tela è Ottawa, sottolinea, bisognerà aspettare di vederla dal vivo, si faranno anche altre indagini. Ma la proposta è “seria, da guardare con molta attenzione”. Insomma, conclude,: “Ognuno può dire la sua, ma quello che resta è che è molto convincente la provenienza, che è documentata in ogni fase del percorso”.

E voi cosa ne pensate? Il dibattito è acceso, nei prossimi giorni ne sapremo certamente qualcosa di più.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...