Mostre, week end nel segno del contemporaneo: dalla Fondazione Pinault a Mimmo Paladino

Secondo week end di aprile, all’insegna della Settimana della Cultura con un occhio all’arte contemporanea con la grande rassegna della Fondazione Pinault a Venezia e a Milano la monografia dedicata a Mimmo Paladino.

A Napoli, invece, esposizione straordinaria del Tesoro di San Gennaro, il cui splendore, sostengono i ricercatori, è superiore a quello della Corona di Inghilterra e degli Zar.

Venezia, “L’Elogio del dubbio” alla Fondazione Pinault
A Punta della Dogana, sede del Centro di Arte Contemporanea della Fondazione Francois Pinault, si apre il 10 aprile la grande mostra dal titolo L’Elogio del Dubbio. Esposte circa 60 opere, di cui la metà inedite, realizzate da una ventina di artisti di fama mondiale, tra cui Maurizio Cattelan, Jeff Koons e Jeff Bauman, Adel Abdessemed, Marcel Broodthaers, Dan Flavin.

Già da qualche giorno l’ingresso del centro espositivo veneziano è sovrastato dal bronzo monumentale realizzato dall’artista tedesco Thomas Schutte raffigurante il Padre-Stato, che dialoga con il Ragazzo con la rana, la scultura di Charles Ray che ha aperto un anno fa le esposizioni di Punta della Dogana.

La Mostra della Fondazione Pinault intende proporre al vasto pubblico degli appassionati quelle produzioni artistiche che hanno come comune denominatore l’indagine nella sfera del turbamento, la messa in discussione delle certezze in tema di identità e il rapporto tra la dimensione intima e personale e quella dell’opera.

Napoli e il Tesoro di San Gennaro
Per la prima volta nella storia, le opere più prestigiose del leggendario Tesoro di San Gennaro vengono esposte al pubblico contemporaneamente in sei differenti siti museali partenopei.

Con un biglietto unico integrato, il visitatore potrà ammirare non solo le oltre 150 opere delle 21.610 appartenenti al Tesoro (tra cui i dieci favolosi gioielli, esposti nelle sale del Museo del Tesoro di San Gennaro), ma anche le preziose tele di Luca Giordano (Museo Diocesano) e luoghi dall’immenso valore artistico che riaprono per l’occasione, come il Complesso Monumentale dei Girolamini o l’antica Porta del Duomo.

Il Tesoro di San Gennaro, come ha certificato il pool di ricercatori impegnati per quasi tre anni a fare esami di laboratorio sulle opere e le singole pietre (oltre duemila fra diamanti, rubini, smeraldi, zaffiri, perle), è tra i più importanti al mondo per valore artistico ed economico, superiore persino al Tesoro della Corona d’Inghilterra e a quello dello Zar di Russia.

Milano nel segno di Mimmo Paladino
Si è aperta a Palazzo Reale la grande esposizione dedicata all’opera di Mimmo Paladino. Esposte 50 opere, tra cui 30 dipinti di grandi dimensioni, sculture e installazioni. Ecco al piano nobile della sede espositiva milanese, i lavori pittorici che coprono un arco cronologico che dagli anni ’70 si sviluppa fino ai tempi recenti.

I dipinti scelti illustrano i diversi passaggi tematici e stilistici di Paladino, fino alla produzione attuale, con l’inserimento di importanti sculture. Fra i lavori, anche alcune installazioni che dimostrano come Paladino sia tra gli artisti italiani che hanno con maggior insistenza cercato il dialogo con altri linguaggi, servendo da tramite per il passaggio dall’Arte povera alla ripresa pittorica degli anni ’80, utilizzando differenti materiali che rendono i confini dell’opera ancora più ampi.

In concomitanza con la mostra, Piazzetta Reale accoglie la Montagna di sale, un’opera d’arte monumentale, tra i lavori più belli ed emblematici del maestro campano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...