Egitto, appello dell’Unesco: ora bisogna vigilare

Dopo i furti al Museo egizio del Cairo nei giorni scorsi, la direttrice dell’Unesco, Irina Bokova, ha chiesto una maggiore vigilanza alle autorità nazionali e internazionali, ai mercanti d’arte e ai collezionisti.

“E’ importante verificare l’origine dei beni culturali che possono essere importati, esportati o messi in vendita in particolare su internet – ha detto Bokova – questo patrimonio costituisce un elemento di storia dell’umanità e dell’identità egiziana. Non dobbiamo permettere che cada in mani poco scrupolose o che corra il rischio di essere danneggiato o distrutto”.

L’Unesco, ha continuato, lavorerà in stretta collaborazione con i suoi partner internazionali, tra cui l’Interpol, l’Organizzazione mondiale delle dogane, il Centro internazionale di studi per la conservazione e il restauro dei beni culturali e il Consiglio internazionale dei musei.

“Devono essere prese tutte le misure possibili per mettere al sicuro i siti del patrimonio egiziano ed evitare altri furti“, ha concluso la Bokova. Le autorità egiziane avevano annunciato nei giorni scorsi che diversi pezzi importanti, tra cui una statua in legno ricoperta d’oro rappresentante il faraone Tutankamon, sono stati rubati dal museo del Cairo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...